Anatomia dell’anca

 

Studio dell’articolazione coxo-femorale

 

 
 
 
 
 
L’articolazione dell’anca, o articolazione coxo-femorale è la responsabile nello stabilire l’unione tra l’arto inferiore e il bacino. È un’articolazione di tipo enartrosi: articolazione mobile (diartrosi), le cui superfici articolari sono costituite da una forma sferica o semisferica e da una concavità a sua volta sferica.
L’articolazione coxo-femorale è formata dalle superfici articolari della testa del femore, sferica e convessa, e l’acetabolo o cavità cotiloidea, sferica e concava.
La testa del femore, arrotondata e liscia, rappresenta approssimativamente due terzi di una sfera. È orientata obliquamente verso l’alto, verso l’interno e in avanti. A livello della superficie articolare, nell’unione tra il terzo inferiore coi due terzi superiori si trova una piccola depressione rugosa denominata fossa della testa, fovea capitis, dove si inserisce il legamento rotondo che si estende fino alla gola acetabolare, essendo la sua lunghezza media 30-35 mm.
In fondo a questa fossa troviamo numerosi orifizi di piccole dimensioni attraverso i quali penetrano i vasi arteriosi all’interno della testa femorale.


Leggi di più